domenica 13 settembre 2020

Barfly; recensione.

 Barfly (1987), con Mickey Rourke. Alla sceneggiatura: Charles Bukowski.

Scenggiatura quasi interamente autobiografica, di un "certo" Hank Chinaski. E per l'appunto Chinaski verrà interpretato da Rourke, che quasi sempre ubriaco (nella finzione) per l'intera durata del film, barcollerà a destra e a sinistra, tra bar, risse e donne. Il film è solamente quasi per l'intero autobiografico, perché in realtà la storia d'amore con l'editrice durò sei settimane. 

Un film bruttissimo e stupendo.

Nessun commento:

Posta un commento